L’Associazione “Orlando” aderisce alla mobilitazione

L’associazione “Orlando” il 13 febbraio 2011 parteciperà alla giornata nazionale di mobilitazione “Se non ora, quando”, contribuendo da subito alla sua costruzione e alla sua riuscita.
Noi stesse nel corso di un affollato incontro con Susanna Camusso presso il Centro delle donne di Bologna, il 20 gennaio, abbiamo proposto un’iniziativa nazionale di donne, grande e forte, che rimettesse la nostra voce e i nostri corpi al centro della scena pubblica.Un’iniziativa capace, al tempo stesso, di richiamare gli uomini riflessivi a prendere parola contro l’intreccio sesso/denaro/potere che oggi domina la scena pubblica nel nostro Paese.
Da più di anno con donne di Bologna e in Italia abbiamo promosso riflessione e iniziative attorno alla dignità delle donne. Attorno e tramite il corpo delle donne e la sessualità in genere, il suo controllo e mercificazione, si è strutturato un sistema che modifica la politica. È una trasformazione complessa, che non possiamo rinchiudere in analisi semplicistiche, tanto meno se ricondotte a privati casi di malcostume.
Tali fenomeni s’intrecciano e aggravano gli attacchi a Costituzione, Parlamento e Legge e la crisi del sistema rappresentativo. E s’intrecciano alla crisi economica che ha portato al 49% di inoccupazione femminile, al quasi 50% di disoccupazione tra le giovani donne e alle accresciute precarizzazione e cassa integrazione. C’è un legame tra svalutazione simbolica delle donne, la loro marginalizzazione ed esclusione nel mercato del lavoro, la loro riconduzione a ruoli sempre più pesanti di cura nella decostruzione del welfare.
Non tutte ci riconosciamo in ogni parola del documento che invita trasversalmente alla mobilitazione. Le diverse soggettività e la forza femminile sono il nostro punto di partenza; non vorremmo davvero scivolare in una contrapposizione tra donne per bene e per male.
Ma ne condividiamo l’intento, lo spirito e l’opportuno tempismo. Vogliamo quindi essere in piazza a Bologna il 13 febbraio, unendo la nostra indignazione a quelle di altre e di altri e portando le nostre parole e visioni.
Invitiamo chi vuole continuare a prendere parola e agire contro questo stato di cose ad un incontro pubblico lunedì 7 febbraio alle ore 20,30 al Centro delle donne (Palazzina, via del Piombo 7), per organizzare la mobilitazione, discutendone le forme e i contenuti.

Associazione “Orlando”
Bologna, 31.1.2011


22 commenti on “L’Associazione “Orlando” aderisce alla mobilitazione”

  1. Alessandra Farina ha detto:

    Salve,
    non potendo venire a Roma il 13 volevo sapere se a Milano è previsto un luovo di manifestazione che aderisce alla vostra iniziativa.
    Grazie
    Alessandra

    • mobilitazione ha detto:

      Sicuramente. Esiste un gruppo milanese di DiNuovo e altre associazioni e singole hanno aderito. Deve essere ancora definito il luogo però… man mano che arrivano aggiornamenti o appuntamenti per l’organizzazione dell’iniziativa noi comunichiamo…

  2. Francesca ha detto:

    Salve, è stata organizzata anche una manifestazione a Firenze??
    grazie
    Francesca

  3. Annalisa ha detto:

    Salve,
    volevo sapere come ottenere informazioni sulla manifestazione nella città di Bari (se è prevista, lo spero).
    Grazie

  4. CRISTINA ha detto:

    Buongiorno,
    sto diffondendo il più possibile con tutti i miei mezzi, email, telefono e facebook l’appello e l’invito alla manifestazione.
    Vorrei cercare di coinvolgere più persone possibile nella mia splendida città: Torino. Mi date info appena ricevete su Torino.
    Ma anche su Milano, e Genova io ho amiche anche lì.
    Ora Basta! Grazie.

  5. gilda ha detto:

    Ciao a tutte, vorrei sapere se è prevista manifestazione a Pisa o a Firenze. Grazie!!

    • Paola ha detto:

      Manifestazione a Pisa ore 14,30 Logge di Banchi.
      Lunedì 7 ore 21, alla Casa della donna,( in via Galli Tassi 8, 56126 Pisa tel 050 550627) INCONTRO PUBBLICO per organizzare la manifestazione di domenica

  6. nelly ha detto:

    Aspetto notizie su Bologna

    • daniela ha detto:

      Sono di Bologna, vorrei avere notizie precise sulla mobilitazione nella nostra città
      porterò con me le mie figlie una delle quali ha giusto giusto l’età di Ruby
      grazie Daniela

  7. Francesca ha detto:

    E a Vicenza ci sono adesioni? Non vedo l’ora di partecipare con le mie amiche e, spero, qualche amico, perchè ho tanta, ma tanta voglia di far sentire quanto sono brava con le padelle in mano, quanto sono stufa di una classe politica che sta sfasciando qualsiasi valore in cui ho creduto per una vita intera! Datemi notizie!!

  8. Daria ha detto:

    Per quanto sia d’accordo con la manifestazione, non mi piace che tutto sia organizzato da un pugno di figure elitarie e che non sia previsto nessun confronto tra le donne prima della manifestazione. Da nessuna parte, infatti, trovo indirizzi o appuntamenti per chi vuole collaborare più attivamente. Siamo soltanto pedine per “leader” al femminile? Un abbraccio

    • mobilitazione ha detto:

      Cara Daria,
      chi ti scrive fa parte di un gruppo di donne volontarie sicuramente non elitario.
      Il dibattito lo cerchiamo e lo cercheremo ogni giorno, la manifestazione raccoglie la nostra lotta e il nostro sdegno.
      In molte città si stanno attivando associazioni più o meno grandi che di certo forniranno tutte le informazioni per collaborare.

  9. simona ha detto:

    sono rimasta indietro, a Roma dov’è la manifestazione? grazie

  10. Daria ha detto:

    Ovviamente, mi riferisco all’organizzazione nazionale, a Roma, non voi a Bologna che il dibattito l’avete previsto. Grazie, buon lavoro

  11. Elisabetta ha detto:

    Questa non deve essere una mobilitazione “contro certi tipi di donna”, ma contro il maschilismo che ci sfrutta, denigra e avvilisce in ogni modo. Per questo vorrei che ci fosse su questo blog l’esplicito “invito” agli uomini che vogliono togliersi “sassolini dalle scarpe” contro le donne, anche solo un tipo di donna…, a togliersi da questa manifestazione. Chi non ci ama, chi non vede come tanti loro colleghi uomini ci manchino di rispetto in ogni possibile modo, evidentemente deve starci alla larga. Viva le donne, tutte.

  12. Francesca Varagona ha detto:

    Vivo a Bologna. Vorrei sapere qualcosa in più sulla manifestazione nella nostra città. Grazie

  13. aspettarestanca ha detto:

    ASPETTARE STANCA
    Aderisce alla manifestazione del 13 febbraio nelle piazze d’Italia “ Se non ora quando?”:
    NON CI MERITIAMO QUESTO PRESIDENTE DEL CONSIGLIO
    PRETENDIAMO IL RISPETTO
    delle donne di ogni età
    dell’uguaglianza
    delle regole democratiche
    Siamo donne accomunate da sdegno e preoccupazione per la crisi della nostra democrazia parlamentare e per l’incertezza sullo scenario politico ed economico futuro.
    Chiediamo la piena attuazione dell’articolo 3 e dell’articolo 51 della Costituzione, per assicurare la presenza paritaria delle donne nelle assemblee elettive, nei partiti e nelle sedi decisionali.
    Il gap di genere nelle cariche elettive, nell’occupazione, nelle carriere e nelle retribuzioni pone l’Italia agli ultimi posti della classifica europea e risulta dannoso non solo per i destini delle donne, ma per il sistema democratico e per l’economia del paese.
    Scendiamo in piazza in tutte le città d’Italia per manifestare, senza bandiere di partiti e sindacati, ma con la partecipazione anche di tanti uomini, convinti come noi, che la democrazia paritaria non solo migliora i destini delle donne, ma fa bene al Paese.


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...