E se domani…

E SE DOMANI?
Un paese per donne

Abbiamo provato a immaginare come sarebbe vivere in un Paese dove donne e uomini lavorano fianco a fianco, comunicano liberamente, senza stereotipi o ruoli rigidi, e si sostengono a vicenda senza doversi difendere l’uno dall’altra. Un Paese dove sia nell’incontro che nel possibile conflitto prevalga il rispetto reciproco.
E se domani? racconta le storie di un mondo un po’ fantasioso, diverso, pensato con l’ironia e la consapevolezza di chi non cerca di definire il futuro, ma vuole costruirlo insieme, con tutte e tutti.
Se non ora, quando?
Appuntamento a Siena, il 9 e 10 luglio 2011!


6 commenti on “E se domani…”

  1. Maddalena ha detto:

    Sarebbe un paese bellissimo, vista la realtà della società attuale sembra quasi un’utopia, ma questa utopia è esistita nella realtà.
    Nel 1789 Ferdinando IV di Borbone emanò lo statuto di San Leucio, paese vicino Caserta, avrebbe dovuto chiamarsi Ferdinandopoli, le donne e gli uomini avevano pari dignità e pari diritti, il re regalava la casa alle donne che si sposavano, nessuno poteva offendere ne danneggiare in alcun modo un altro e tante altre norme di civiltà, uguaglianza, rispetto e progresso.
    Per notizie più dettagliate vi segnalo il link:
    http://www.realbelvedere.it/index.php/la-real-fabbrica/3-lo-statuto-di-san-leucio.html
    Lo statuto fu applicato fino al 1861 e cessò dopo l’invasione Sabauda per l’unificazione d’Italia.

  2. Maddalena ha detto:

    Sarebbe bello, se dopo il 13 febbraio a Roma, il 9 e 10 luglio a Siena ci potessimo incontrare a San Leucio per diffondere e far conoscere la sua storia e ridare nuova vita, se possibile al suo statuto.
    Grazie

  3. Rosangela Pesenti ha detto:

    Sono grata alle registe, alle attrici perché finalmente rappresentano un mondo in cui sono realizzati i tanti sogni che ho seminato nella mia vita

  4. Maddalena Silvi ha detto:

    Vorrei sapere il motivo della non pubblicazione del mio commento.
    Non mi è sembrato offensivo nè lesivo dei diritti di alcuno.
    Grazie

  5. Maddalena Silvi ha detto:

    Sarebbe un paese bellissimo, vista la realtà della società attuale sembra quasi un’utopia, ma questa utopia è esistita nella realtà.
    Nel 1789 Ferdinando IV di Borbone emanò lo statuto di San Leucio, paese vicino Caserta, avrebbe dovuto chiamarsi Ferdinandopoli, le donne e gli uomini avevano pari dignità e pari diritti, il re regalava la casa alle donne che si sposavano, nessuno poteva offendere ne danneggiare in alcun modo un altro e tante altre norme di civiltà, uguaglianza, rispetto e progresso.
    Per notizie più dettagliate vi segnalo il link:

    http://www.realbelvedere.it/index.php/la-real-fabbrica/3-lo-statuto-di-san-leucio.html

    Lo statuto fu applicato fino al 1861 e cessò dopo l’invasione Sabauda per l’unificazione d’Itali

  6. santoienno ha detto:

    interessante, pero’ non vedo dove sono gli uomini che si devono difendere dalle donne, da qualunque parte la guardi…anche in cucina, reame tradizionale delle donne, gli uomini non si devono difendere, sono i migliori, grandi chef. Gli uomini hanno vastamente superato le donne nel campo della prostituzione, e non hanno bisogno di aiuto in materia. Le donne hanno sempre avuto il ruolo di difesa ed incoraggiamento degli uomini, che invariabilmente hanno l’attenzione, il potere, i posti di lavoro, le decisioni…vorremmo che ci dessero incoraggiamento e difendessero anche i nostri, di diritti, la nostra eguaglianza e diritto di parola, che dessero valore alle nostre opinioni, non perche` ci “CONQUISTIAMO” questi diritti, ma perche` un mondo equilibrato, maschile/femminile, funziona sulla cooperazione, non la competizione. siamo una famiglia globale, non una banda di guerrieri.


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...